Stefano Pedrazzini

Dopo aver completato gli studi superiori diplomandosi in informatica, compie una scelta apparentemente radicale proseguendo gli studi universitari frequentando l’I.S.E.F della Lombardia (attuale Laurea in Scienze Motorie). Durante la frequentazione si appassiona allo studio della biochimica, fisiologia e neuroanatomia notando le affinità  esistenti tra quello che studiava delle reti informatiche e quello che il corpo umano, tramite il sistema nervoso e neuro endocrino, attuava già da millenni.

Conclusa la carriera universitaria continuano gli approfondimenti orientati verso due direzioni:

l’incremento della performance atletica con metodiche naturali (non farmacologiche) e in accordo con la fisiologia umana e lo stile di vita dei singoli atleti; il recupero funzionale attivo a seguito di eventi traumatici e/o invalidanti (lombalgie, colpi di frusta ecc.).

Dopo aver effettuato tirocinio per 2 anni presso uno studio fisioterapico, integra ed arricchisce il lavoro kinesiterapico attivo con metodiche di allungamento muscolare posturale (metodo Meziere).

Dal 2000 si interessa alla Kinesiologia Applicata, sempre in continua formazione e aggiornamento.

Nel 2013 consegue l’abilitazione di Massaggiatore C.B. (figura terapeutica ausiliaria sanitaria), nel 2015 attestato di kinesiologo professionale perfezionato con un ulteriore corso di kenesiologia integrata all’osteopatia (Terapia Manuale Osteopatica).

La sua pratica copre 2 aree importanti: l’area benessere e quella terapeutica.

I trattamenti benessere sono quei trattamenti effettuati in assenza di patologie e quindi orientati ad un benessere psicofisico generale. I Massaggi svedese/rilassante, antistress, californiano e il riequilibrio energetico dei Chakras.

I trattamenti terapeutici vengono effettuati in presenza di patologie croniche e/o acute dell’apparato muscolo-scheletrico e consistono nella massoterapia, trattamento dei tessuti molli, manipolazioni articolari, riarmonizzazione posturale statica globale (con e senza pancafit) e test muscolari kinesiologici, che hanno lo scopo di orientare il trattamento e ne verificano l’efficacia e la stabilità.

La gestione del cliente viene sempre effettuata in globalità e in metodo olistico, a 360°, senza sottovalutare la componente psicologica/emozionale che viaggia in parallelo e in sincronicità con qualsiasi evento traumatico/algico.

Un trauma fisico induce una modificazione emozionale, di umore nella stessa maniera in cui un fattore emotivo viene somatizzato nel corpo e si manifesta con tensioni fisiche o dolore.

Quindi, attenuazione dello stress emozionale, posturale, defusione della memoria traumatica, praticamente una gestione del cliente con un vero bodyworks globale .